Novità

Carissimi, dopo mesi di lavori, prove e riprove dietro le quinte, ci sono. Ho aperto un altro blog. Chiariamoci subito, non chiudo questo. Questo blog ha tre anni, ha più di una ragion d’essere e gli voglio bene. Se ci scrivo poco è perché in questo momento ho bisogno così: di scriverci poco. Però c’è.…

Addiction

Mio padre lavorava di notte. Uscivo al corso di tennis o alla lezione di pianoforte che lui ancora dormiva, tornavo per cena e lo trovavo lì, in piedi in un angolo del salotto, a leggere il giornale che aveva comprato la mattina presto prima di andare a dormire. Siediti, gli diceva sempre mia madre, da…

Che abbia smesso di piovere?

Passo su questo blog come un estraneo. Mi mette quasi i brividi. Ero davvero io? Sembrano passati anni. Eppure è soltanto qualche mese fa. Eppure Ian Saiin sono stato io e forse sono ancora io. Almeno un po’, non lo so. Sono successe tante cose. Il tempo passa e le cose succedono e ti cambiano…

Le migliori altezze del pensiero occidentale

La rete fa dell’ironia sul tweet della Santanchè che voleva scrivere “che origini hanno i piloti dell’Airbus caduto???” e invece ha scritto “che origini hanno i piloti dell’autobus caduto???” Il refuso da correttore automatico fa notizia, passa in secondo piano quanto gretto e spregevole sia il pensiero. Ma di che meravigliarsi, alla barbarie gratuita siamo…

Fino a convincente prova contraria

Da quant’è che non scrivo?, sì, un bel po’. Sono stato in Giappone a febbraio, sono tornato malaticcio, crollato qualche giorno dopo, quattro giorni a letto con la sinusite che mi trascinavo dal Sol Levante, mi sono pure perso un viaggio a Londra, biglietto aereo e hotel compresi, vabbé. Avrei avuto qualcosa da scrivervi da…

Cosa (non) può mancare in un matrimonio giapponese

Ci confondiamo con i pochi turisti della domenica mattina di un piccolo tempio scintoista nella zona nord di Kyoto. Kamigamo jinja. Pioviggina. Camminiamo sulla ghiaia bagnata, sto attento a non sporcarmi le scarpe nere, nuove. Fa freddo. Ho in tasca una cuffia e in mente ricordi di foto venute coi capelli per aria, per colpa…

Whisky, amore, morfina

Il signor Richard Smith, medico, editore dal 1991 al 2004 del BMJ, il British Medical Journal, autorevole rivista scientifica internazionale, tiene un blog sulle pagine online di detta rivista. Il 31 dicembre ultimo scorso pubblica, sul blog medesimo, un post dal titolo “Morire di cancro è la miglior morte”. Come potevo non andare a vedere.…

Lati ingrati e gatti grati

L’altro giorno durante una visita per chemioterapia una signora si è lamentata dicendomi che sappiamo soltanto farla stare male. Diceva, io fino alla scorsa estate stavo bene. Mi avete mandata a fare la mammografia e mi avete trovato qualcosa che non andava. Mi avete punta con un ago, mi avete detto che avevo un tumore.…